Vergogna

La vergogna è un’emozione.

E come tutte le emozioni prende forma e sostanza a seconda delle situazioni personali e collettive, delle epoche storiche, del contesto sociale  di pace o di guerra .

Se questa emozione conserva un richiamo a qualcosa di profondo ed univoco, forse universale non ce ne siamo accorti.

Sta tra il privato e pubblico e tra lecito e non lecito, come una sentinella che avvisa quando gli argini stanno per traboccare, ma nessuno può impedirne un uso strumentale. E l’argine – poi – chi lo ha tracciato?

L’emozione è di certo un’entità psicologica, ma è anche un’entità culturale e sociale: non tutti possono farci vergognare,  ma ci si vergogna davanti a tutti.

Val la pena di approfondire.

“Non esistono società senza vergogna, ma società con gradi diversi di vergogna e con definizioni diverse di ciò che debba ritenersi vergognoso e di quello di cui bisogna vergognarsi. Non siamo mai soli quando proviamo vergogna, non siamo solo noi a decidere quando e come vergognarci.”

Annunci

Una risposta a “Vergogna

  1. pasric

    la vergogna descrive l’epoca in cui viviamo, attraverso le forme che essa può assumere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: