L’acqua non è più pubblica (Luca Fazio).

Triskel182

Blitz in via XX Settembre: «Nessuno può tradire il voto di degli italiani».

Un piccolo blitz, una sorsata di democrazia. Tanto per ricominciare. Del resto qualcuno li dovrà pur rappresentare quei 26 milioni di italiani che lo scorso giugno hanno votato per dire (al governo Berlusconi) che l’acqua è un bene comune e un diritto umano universale. Anche se il destinatario oggi è cambiato ed è addirittura molto più insidioso, perché adesso è il governo Monti che si appresta a violare l’esito di una consultazione democratica per consegnare l’acqua – anche l’acqua – nelle mani del mercato. Almeno così sembra a una prima lettura delle 107 pagine della bozza sulle liberalizzazioni rese pubbliche ieri, tanto per confermare l’adagio secondo cui a pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca.

View original post 401 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: